Sea Shepherd
left_top_news_media
Stampa E-mail
Mercoledì 16 Febbraio 2011 02:04

La fine di un'epoca?
Commentario di Ico Thieme

editorial_110105_1_1_Skirmish_Yushin_Maru_No2_Gojira_3988-small

Ormai lo sanno tutti e la notizia si trova su tutte le testate, è talmente dirompente che rimbalza da un giornale all'altro, da un blog all'altro, facendo il giro del pianeta in un attimo. Non è la solita notizia su un incontro tra le nostre navi e una baleniera, non si tratta di una nota di disaccordo tra un qualche ente politico e i Giapponesi che cacciano illegalmente i grandi cetacei nei mari antartici. Questa è la fine delle attività illegali Giapponesi! La notizia che sono decenni che aspettavamo di sentire. Quello stop per cui ci sono volute sette spedizioni antartiche, piene di rischi e disagi, condotte sul filo della strategia navale tra due flotte con mezzi diversissimi.

E questo è avvenuto grazie alle nostre navi, grazie ai nostri equipaggi, senza che nessun'altro abbia contribuito in alcun modo a far cessare per sempre questo abominio.

Neanche Greenpeace ha voluto rispondere alla richiesta di collaborazione per questa campagna. Abbiamo chiesto l'invio di una loro nave come supporto per pattugliare parte dello sconfinato mare di Ross, ma ci è stata negata: era troppo impegnata a far garrire le bandiere con l'arcobaleno nei porti Giapponesi.

E così il vecchio lupo di mare, il grande Capitano Watson, ce l'ha fatta. Da solo, con un pugno di entusiasti male equipaggiati, a bordo di navi che non possono certo essere definite come l'ultimo grido della comodità o della sicurezza. Sea Shepherd si è stretta come sempre attorno al suo Capitano, e a testa bassa ha colpito la flotta Giapponese che per anni ha cacciato in maniera illegale i grandi cetacei nelle acque del Santuario Antartico delle Balene. Il piccolo e male in arnese Davide è riuscito a tagliare il tendine del gigante nipponico, e così Golia è rovinato a terra, speriamo per sempre.

Il mondo non può che festeggiare questa data, e ringraziare Sea Shepherd perché solo le sue navi sono state le artefici di un esito così clamoroso. Tutte le altre associazioni con budget enormemente più grassi, con contatti politici nelle stanze del potere, con un'immagine pubblica piena di colori e promesse, non c'erano. Semplicemente non si sono fatte vedere.

Grazie Capitano Watson di aver saputo mantenere pulito il nostro cuore, e forte il braccio nel colpire. I risultati non hanno bisogno di alcun commento.

Ico Thieme, nostromo

 

Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2012 Sea Shepherd Conservation Society
Hosting and other web services donated by EStreet