jr-logo-ssi-top
left_top_news_media

Sea Shepherd Newsrss_icon_20

Stampa E-mail
Mercoledì 29 Febbraio 2012 23:28

La Hong Kong Airlines vieta il trasporto di animali selvatici in risposta alla visita dei membri di Sea Shepherd agli uffici della compagnia aerea

Dolphins in Delfini nelle "casse volanti" nella stiva di un cargo della Hong Kong Airline, trasportati per gli impianti di delfini in cattività. Foto: Hong Kong Airlines

Il 28 febbraio 2012, il Coordinatore di Sea Shepherd Conservation Society UK, David Scott, ha ricevuto una risposta dalla Hong Kong Airlines relativa ad una lettera che aveva inviato, in cui contestava il trasferimento da parte della compagnia aerea di cinque delfini selvatici dal Giappone al Vietnam.

Nella risposta si sosteneva che la Hong Kong Airlines stesse prendendo la questione molto sul serio e che avrebbe diffuso una dichiarazione. La lettera diceva: "In quanto società impegnata nella conservazione e protezione della fauna selvatica, la Hong Kong Airlines ha imposto il divieto immediato di tutti i voli che comportano il trasporto di specie protette."

Questa dichiarazione è stata rilasciata tre giorni dopo che il Coordinatore di Sea Shepherd Hong Kong, Gary Stokes, insieme ad altri attivisti, aveva visitato gli uffici della compagnia, portando con sé una petizione di 2.400 firme e una copia del documentario, vincitore dell’Academy Award, “The Cove”. La comunità mondiale per la protezione degli animali era stata informata del fatto e si era unita per agire contro la Hong Kong Airlines, in quanto complice della riduzione in schiavitù dei delfini selvatici.

L'impatto di questa decisione è molto chiaro nella seguente osservazione di Gary Stokes, "personalmente vedo questo episodio come qualcosa di molto più importante rispetto alla sola Hong Kong Airlines, è la crepa nella diga che tutti stavamo aspettando. Questa azione dovrebbe inviare un messaggio a tutte le compagnie aeree: le conseguenze del trasportare delfini si traducono in una pubblicità negativa a livello mondiale che ha come effetto una perdita di guadagno che supera di gran lunga la convenienza del guadagno economico a breve termine che si ha da questi trasporti. Se saremo in grado di fermare il trasporto internazionale, fermeremo il commercio per la cattività e, se non ci sarà questo commercio, non ci saranno stragi di delfini, perché non ci saranno più soldi in gioco".

Ecco la dichiarazione della Hong Kong Airlines:

Hong Kong Airlines Logo

Dichiarazione relativa al trasporto di delfini avvenuto il 16 gennaio

28 febbraio 2012 - Il 16 gennaio 2012, la Hong Kong Airlines ha effettuato una spedizione speciale di cinque delfini vivi dal Giappone al Vietnam. La compagnia aerea ha accertato che il trasporto avvenisse in conformità con le disposizioni governative e le regolamentazioni dell’International Air Transport Association sugli animali vivi, soddisfacendo tutti i requisiti di preparazione e le procedure di cura degli animali prima della spedizione. La Hong Kong Airlines si è anche accertata che i permessi d'importazione ed esportazione, previsti dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora a rischio estinzione, fossero stati rilasciati dall’Economic Bureau of Co-operation, dal Ministero dell'Economia, del Commercio e dell'Industria in Giappone, dal Dipartimento di Protezione delle foreste e dal Ministero dell'agricoltura e dello Sviluppo Rurale del Vietnam.

Le nazioni del mondo permettono ancora al Giappone di uccidere più di 1.000 balene nel Santuario delle Balene in Oceano del Sud, ogni anno, per la cosiddetta "ricerca scientifica". Nessuna accreditata pubblicazione scientifica è mai stata prodotta sulla base di queste stragi. Peggio ancora, la carne di balena continua ad essere venduta illegalmente ed esposta nei ristoranti e nei negozi di alimentari, e fornita nelle mense scolastiche dei bambini, nonostante i gravi rischi noti per la salute, derivanti dai metalli pesanti presenti in essa.

Esperti professionisti provenienti dal Vietnam e dal Giappone hanno consigliato il trasporto aereo come soluzione migliore per il trasferimento di delfini vivi e, prima della consegna, è stata inviata un’apposita squadra a fare una valutazione. Esperti di animali marini e veterinari sono saliti a bordo per sorvegliare e monitorare la fase del trasporto, e hanno prestato cure adeguate durante l'intero viaggio.

Qualche tempo dopo la consegna, la Hong Kong Airlines è stata contattata da varie organizzazioni benefiche, le quali hanno richiesto alla compagnia aerea di non accettare simili spedizioni in futuro. La Hong Kong Airlines ha comunicato in maniera diretta con questi gruppi per approfondire le loro preoccupazioni e rendere noti, da parte sua, i notevoli sforzi fatti per garantire il trasporto sicuro dei delfini e tutti i requisiti legali per il loro benessere.

La Hong Kong Airlines ha accolto le osservazioni e i pareri espressi dalle organizzazioni e li ha presi in considerazione insieme alle informazioni disponibili al momento della spedizione.

La Hong Kong Airlines vuole rendere noto che si considera un membro responsabile dell’industria dei trasporti, al quale sta a cuore il futuro e l'ambiente. Poiché crediamo che trasporti di questo tipo possano mettere in pericolo la fauna del mondo, la Hong Kong Airlines vieterà da adesso in poi questo tipo di spedizioni.

A dimostrazione del proprio impegno per l'ambiente e la consapevolezza ricevuta grazie alle organizzazioni, la Hong Kong Airlines farà una donazione ad un'organizzazione che si occupa di fauna selvatica.

Per informazioni, preghiamo di contattare il nostro Dipartimento per le Comunicazioni all’indirizzo corpcomm@hkairlines.com

Traduzione a cura di Cristina Giusti

 

article_separator_650x1

Sea Shepherd welcomes your support. To support our
conservation work, please visit our donation page.


Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2017 Sea Shepherd Global
Hosting and other web services donated by Telemar Spa