jr-logo-ssi-top
left_top_news_media

Sea Shepherd Newsrss_icon_20

Stampa E-mail
Venerdì 09 Marzo 2012 08:53

Sea Shepherd Richiede un'Azione Immediata Contro il Massacro Crudele e il Commercio Illegale di Tartarughe Marine e Dugonghi

Photo courtesy of Save Australia Dugongs and TurtlesFoto gentilmente concessa da Save Australia Dugongs and Turtles

Dal 2009, Colin Riddell e Bob Irwin di "Save Australian Dugongs and Turtles" sono stati in prima linea nel tentativo di salvare tartarughe e dugonghi australiani, che stanno rapidamente scomparendo. Quello che hanno scoperto con l'aiuto dell'ex volontario di Sea Shepherd Rupert Imhoff è una prova convincente del massacro crudele e del commercio illegale di dugonghi e tartarughe in via di estinzione a Queensland.

Hanno ottenuto filmati scioccanti del massacro di dugonghi vivi indifesi e tartarughe marine verdi in pericolo, con alcuni animali che hanno impiegato giorni per morire. Le tartarughe marine verdi, in via di estinzione, vengono legate, girate di schiena e lasciate a soffrire di una morte dolorosa. Alcune sono addirittura ferite quando sono ancora in vita, e impiegano oltre 7 minuti per morire. Il video integrale può essere visto qui con un avvertimento: questo filmato contiene materiale angosciante.

I leader della comunità ammettono che il commercio degli indigeni di carne di dugongo e tartaruga di mare utilizza principalmente come copertura il diritto concesso ai nativi. Il commercio di tartarughe verdi in via di estinzione e dugonghi è ormai diventato un settore del mercato nero.

Photo courtesy of Great Barrier Reef Marine Park AuthorityFoto gentilmente concessa dal Great Barrier Reef Marine Park Authority

Epong James, di Mandaburra, che vive sulle sue terre tradizionali un'ora a sud di Cairns e Yarrabah, ha dichiarato: "Nove volte su dieci, il commercio illegale consiste nel vendere la carne in cambio di grog, denaro o droga. Una persona che conosciamo a Yarrabah ha fatto ottantamila dollari in un anno con la vendita di carne di dugongo e di tartaruga."

Le persone di Mandubarra hanno dichiarato una moratoria sulla cattura di tartarughe e dugonghi dai loro luoghi marini, ma intorno a loro, il commercio illegale di carne continua.

Con la perdita di vaste aree di habitat con alghe, a causa delle inondazioni del Queensland, dell'impigliamento in attrezzi da pesca e delle reti, il futuro per le tartarughe verdi in via di estinzione e dugonghi sembra nero, a meno che non agiamo ora.

Gli oceani, che ci danno fino all'80 per cento dell'aria che respiriamo, sono in guai seri a livello globale. L'unica cosa importante su cui l'umanità dovrebbe concentrarsi sarebbe garantire la biodiversità negli oceani.

Non ci può essere una deroga speciale basata sulla razza o sulla cultura quando si tratta di sfruttamento di una specie in via di estinzione.

Sea Shepherd appoggia la chiamata di Colin Riddell e Bob Irwin per una moratoria sulla caccia di Dugonghi e Tartarughe Marine in Australia.

Per richiedere un intervento immediato su una moratoria sulla caccia di tartarughe e dugonghi in Australia,
si prega di scrivere a:

Ministro Federale dell'Ambiente On. Tony Burke MP - Tony.Burke.MP@environment.gov.au

Ministro dell'Ambiente del Queensland On. Vicky Caro MP - derm@ministerial.qld.gov.au

Photo courtesy of Great Barrier Reef Marine Park AuthorityFoto gentilmente concessa dal Great Barrier Reef Marine Park Authority Photo courtesy of Save Australia Dugongs and TurtlesFoto gentilmente concessa da Save Australia Dugongs and Turtles
Photo courtesy of Save Australia Dugongs and TurtlesFoto gentilmente concessa da Save Australia Dugongs and Turtles Photo courtesy of Save Australia Dugongs and TurtlesFoto gentilmente concessa da Save Australia Dugongs and Turtles

Traduzione a cura di Mario quark Di Bacco

 

article_separator_650x1

Sea Shepherd welcomes your support. To support our
conservation work, please visit our donation page.


Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2017 Sea Shepherd Global
Hosting and other web services donated by Telemar Spa