jr-logo-ssi-top
left_top_news_media

Sea Shepherd Newsrss_icon_20

Stampa E-mail
Giovedì 10 Marzo 2016 03:50

Sea Shepherd applaude le autorità spagnole per gli arresti a seguito dei blitz alla Vidal Armadores

1news-160310-1-2-JW-sam-simon-chase-kunlun-1250-1000wLa Sam Simon scaccia la Kunlun dai suoi territori di caccia nell'Oceano Meridionale. 
Foto: Jeff Wirth.I Capitani di Sea Shepherd Peter Hammarstedt e Siddharth Chakravarty si sono congratulati con le autorità spagnole per l'arresto di sei persone a seguito dei blitz nel quartier generale della nota associazione criminale per la pesca, la Vidal Armadores.
I rapporti indicano che i sei arrestati, incluso il proprietario della società Antonio Vidal Suàrez, sono accusati di pesca illegale del merluzzo della Patagonia e dell'Antartico (" Dissostichus spp.", nota di traduzione).
La Vidal Armadores è la più tristemente nota tra le poche compagnie di pesca con base in Spagna che si crede controllino gli interessi del commercio illegale del vulnerabile merluzzo dell'Antartico.  


Nel 2002, la compagnia a gestione famigliare si è guadagnata le prime pagine internazionali quando le autorità dell'Australia come tutti ricordano hanno inseguito la nave di proprietà della Vidal, la Viarsa 1, ben oltre la sub-antartica Isola Heard per sospette attività di pesca illegale. Quello stesso anno gli Stati Uniti hanno confiscato un carico illegale di merluzzo proveniente dalla Vidal Armadores.
Molte delle navi della compagnia sono finite nelle liste nere internazionali, inclusa la Kunlun, la Yongding e la Songhua; tre delle "Bandit 6" sono state le navi da pesca di frodo del merluzzo dell'Antartico l'obiettivo delle ultime due Campagne per la Difesa dell'Oceano Meridionale di Sea Shepherd, Operation Icefish e Operation Icefish 2015-16.



A febbraio 2015, durante Operation Icefish, il Capitano Chakravarty e l'equipaggio della nave di Sea Shepherd, la Sam Simon, ha intercettato la Yongding e la Kunlun nelle acque antartiche dell'Australia.

Il Capitano Chakravarty ha poi inseguito la Kunlun fin fuori dal suo territorio di caccia nell'Oceano Meridionale. 
A seguito dell'attenzione internazionale rispetto alla Kunlun e al problema della pesca di frodo del merluzzo dell'Antartico, alla nave è stato impedito di tornare alle sue operazioni di bracconaggio nell'Oceano Meridionale, fino al suo arresto in Senegal il mese scorso.

Inoltre a maggio 2015, anche la Songhua  e la  Yongding sono state arrestate a Capo Verde, Africa Occidentale, grazie alle informazioni fornite alle forze dell'ordine internazionali dal Capitano Hammarstedt.
"Per più di una decade i proprietari dietro le Bandit 6 sono rimasti nascosti dietro una coltre di mistero. Le azioni di Sea Shepherd negli oceani per porre fine alle loro operazioni di pesca sono state un enorme successo. Con le navi fuori uso, le investigazioni a terra e i blitz delle diverse autorità in Spagna si sta ora procedendo all'applicare la legge alla fonte del commercio illegale," ha detto il Capitano Chakravarty.
1news-160310-1-1-GG-sid-kunlun-0055-1000wIl Capitano Chakravarty intercetta la Kunlun durante Operation Icefish. Foto: Giacomo GiorgiSea Shepherd ha anche sottolineato l'importanza della continua cooperazione internazionale nella battaglia contro la pesca illegale.
"Questi recenti arresti mettono in evidenza il ruolo fondamentale dell'Unità per i Crimini della Pesca dell'Interpol e della cooperazione internazionale nella lotta alla pesca illegale," ha detto il Capitano Hammarstedt. "La collaborazione a livello globale è essenziale per combattere questi crimini che sono globali, per la loro natura e per il loro impatto, " ha concluso.


Traduzione a cura di Carlotta Zanlari

 

 

Operation Icefish 2015-16
Visita il nosto sito 
Operation Icefish 2015-16
per maggiori informazioni.

 

 

article_separator_650x1

Sea Shepherd welcomes your support. To support our
conservation work, please visit our donation page.


Sea Shepherd Italia Onlus
Via Rosso di San Secondo,7 - 20134 Milano - Italy
contatto@seashepherd.it

All contents copyright ©2017 Sea Shepherd Global
Hosting and other web services donated by EStreet