Operation No Compromise
Crew Blog
Stampa
Lunedì 28 Febbraio 2011 09:00

Un pensiero finale dalla cucina vegana di bordo della Bob Barker

Merilee Nyland
Capo Cuoco,  Bob Barker

Merilee Nyland

La Bob Barker si dirige verso casa! Verso Hobart. Verso i sostenitori. Verso gli amici. Verso la famiglia. Verso la fine della caccia alla balena!!!

Sono grata per una campagna di successo. Non vedo l’ora di tornare a casa orgogliosa e valorosa – ancora avvilita da tre mesi in mare. Questa è la nave di Sea Shepherd che è rimasta più a lungo in mare senza rifornimento - creando quasi una sfida per la cucina. Ciò con cui abbiamo lasciato il porto è tutto ciò che abbiamo avuto per sostentarci durante la nostra dura campagna di tre pasti al giorno, per 36 persone.

Quando guardo indietro al primo blog che ho scritto quando stavamo lasciando Hobart, non posso fare altro che ridere nostalgicamente per la nostra abbondanza! Abbiamo riempito di cibo ogni centimetro di frigorifero e dispensa. Adesso, i nostri frigoriferi appaiono così: VUOTI. Stiamo mangiando dal fondo dei congelatori. Stiamo razionando i rimanenti barattoli di frutta e vegetali. E’ spiacevole da dire, il minimo. Ma i nostri menu sono creativi e i nostri spiriti in cucina rimangono alti. I pasti continuano ad arrivare. L’equipaggio continua a riunirsi. E i piatti vengono puliti e gli stomaci sono sistemati.

Mangiamo burritos con fagioli neri, riso, cavoli, salsa e panna acida vegana fatta in casa. Mangiamo una crema di curry con pane naan fatto in casa, humus e aioli vegano. Abbiamo pomodori secchi e pasta agli spinaci con pane all’aglio. Ed enchiladas di spinaci e funghi con riso spagnolo e fagioli rifritti. C’è una serata hot dog. E lasagna. E pizza. E zuppa di mais. E zuppa Thai di cocco. La lista continua. Che si creda o no, siamo ancora un equipaggio vegano ben nutrito!

Ce l’abbiamo fatta! Tre mesi. Oltre 800 balene salvate. E la fine della caccia alla balena nell’Oceano Antartico è in vista. Grazie a tutti per il vostro sostegno – non ci saremmo riusciti senza amici affettuosi, famiglia, donatori, appassionati volontari a terra ed il sostengo morale da tutto il mondo. In chiusura, vi lascio poche ricette finali da provare al di fuori della cucina vegana della Bob Barker.

Patè di frutta secca

6 spicchi di aglio
2 cucchiai di olio d’oliva
275 g di frutta secca e/o semi
220 g di latte di soia
140 g di lievito nutrizionale
2½ cucchiaini di sale
½ cucchiaino di pepe
2 cucchiai di prezzemolo fresco o tritato
2 cucchiai di agave (o altro dolcificante)
2 cucchiai di succo di limone

In un frullatore o mixer, tritare l’aglio. Aggiungere l’olio di oliva, agave e succo di limone e mescolare fino ad ottenere una crema. Aggiungere la frutta secca/semi e mescolare bene. Mentre si mescola, aggiungere lentamente il latte di soia. Una volta che è ben amalgamato, aggiungere il lievito nutrizionale, prezzemolo, sale e pepe e mescolare fino a quando diventa liscio e cremoso. Servire con cracker come uno snack o spalmare su un sandwiches per un pasto gustoso, nutriente e ricco di proteine!

Fudge (per 40 persone)

2 banane
880 g di zucchero a velo
450 g di cioccolato fuso

* Una variante per le feste o le occasioni speciali è il fudge al whiskey, una vera delizia per il marinaio! Aggiungi 80g di whiskey (o a piacimento). Per un sapore più modesto al whiskey, comincia con meno e aggiungi a piacere.

Sciogli il cioccolato a bagnomaria o nel microonde, mescolando regolarmente per evitare che si bruci. Nel frattempo, frulla le banane, lo zucchero a velo (e a piacere il whiskey) in un mixer. Aggiungere il cioccolato fuso e mescolare fino a quando risulta liscio. Stendere la miscela uniformemente in piatti caldissimi fino al bordo con carta oleata. Raffreddare in frigo per almeno due ore, preferibilmente tutta la notte. Tagliare in quadrati di 2,5 centimetri.

Goditevelo e divertitevi!

Traduzione a cura di Maddy Affinito

 

Donate Now
Campaign Blog
Photo Gallery
The Fleet