Operation No Compromise
Crew Blog
Stampa
Martedì 04 Gennaio 2011 05:12

La locomotiva dei ghiacci

James Brook
Nostromo, Steve Irwin

James BrookAvevo un posto in prima fila durante il nostro scontro con le navi assassine di balene il primo dell'anno.

Ho potuto seguire lo svolgersi dello spettacolare inseguimento mentre mi trovavo a prua, vicino alla squadra che si occupa del nostro idrante. Le navi arpionatici fuggivano a tutta velocità da noi, mentre la Bob e la Steve puntavano verso di loro e le piccole imbarcazioni interferivano con loro come vespe fastidiose. Anche se quel giorno splendeva il sole, il vento causato dall'avanzare della Steve Irwin si infilava prepotente sotto le protezioni per il viso dei nostri elmetti, intorpidendoci la pelle..

Mentre inseguivamo le Yushin Maru, la Steve Irwin è stata spesso obbligata a urtare direttamente piccoli iceberg: i tremiti e il rumore che derivavano dall'impatto erano davvero inquietanti. Ho trascorso del tempo sporgendomi dalla prua, osservando l'urto con infiniti pezzi di ghiaccio, cercando di vedere se qualcuno dei growlers stesse danneggiando la nave. La squadra del ponte è stata mandata spesso nelle stive e nei compartimenti della parte anteriore per controllare se la chiglia fosse stata perforata in qualche punto. Trovarsi lì, sotto la linea di galleggiamento, e sentire la nave vibrare violentemente, era senz'altro una sensazione spiacevole. Sembrava che, da un momento all'altro, un grosso pezzo di ghiaccio delle dimensioni di una casa potesse spaccare il ponte e causare l'allagamento del compartimento. Dopo essere sopravvissuti alla devastazione di quella banchisa, ora sembra adeguato riclassificare la Steve Irwin come nave adatta alla navigazione tra i ghiacci!

Abbiamo provato grande soddisfazione quando abbiamo riportato il Delta sopra la fiancata e abbiamo riposto al sicuro la nostra attrezzatura. L'operazione si è svolta senza intoppi e ha dimostrato che tutto l'addestramento che abbiamo effettuato nella fase precedente alla campagna stava dando i suoi frutti. Tre navi, un elicottero, e delle piccole imbarcazioni che operano insieme come una flotta ben coordinata ed efficace sono un piacere da osservare in azione, ed è un onore esserne parte.

Traduzione a cura di Barbara Abatti
 

Donate Now
Campaign Blog
Photo Gallery
The Fleet