Operation No Compromise
Crew Blog
Stampa
Giovedì 16 Dicembre 2010 01:27

Ingredienti per alimentare la nostra missione

Laura Dakin
Prima Cuoca, Steve Irwin

Laura DakinAbbiamo lasciato la città di Hobart il 2 dicembre per la nostra campagna tesa a bloccare la flotta baleniera giapponese, che agisce illegalmente. Quest'anno lavoro in cambusa con tre donne meravigliose. Vera, che viene dall'Ungheria, gestisce la sezione ungherese di Sea Shepherd e non ho mai conosciuto un membro dell'equipaggio che si impegni più di lei e che lavori più sodo di lei; Luz, che viene dalla Svezia, si è unita alla Steve Irwin sei mesi fa a Barcellona e da allora cucina una montagna di cibo gustoso; e Rafaela, che viene dall'Italia, anche lei salita a bordo a della Steve Irwin a Barcellona, ci sta insegnando molto sulla vera cucina italiana. Noi quattro sfameremo 45 membri dell'equipaggio, provenienti da vari Paesi, per altri 90 giorni, in mare, a bordo della Steve Irwin.

Gli ultimi giorni a Hobart prima di fare rotta verso il Santuario delle Balene dell'Oceano Australe sono trascorsi in una frenesia folle. Una volta che ci mettiamo in mare, non possiamo tornare indietro, quindi dobbiamo essere certi di avere tutte le scorte necessarie. Molti membri dell'equipaggio, che hanno lavorato duramente, io inclusa, e dei volontari a terra, si sono occupati di ricevere cibo per centinaia di migliaia di dollari, e poi hanno dovuto trovare un posto dove immagazzinarlo e legarlo. Dobbiamo essere preparati a trovare tempo inclemente sulla nostra strada lo stesso giorno in cui usciamo dal porto, altrimenti qualunque cosa possa volare lo farà. Tanto per iniziare, immaginate di legare 50 cavoli, 600 kg di patate, 500 kg di cipolle e 30 zucche, per non parlare di 450 l di latte di soia. Oltre a tutto questo dobbiamo preparare e servire tre pasti al giorno, e gli spuntini, e ripulire tutto!

Cibo, cibo e ancora cibo: è questa la mia vita adesso. Quando non penso al cibo me lo sogno di notte e, quando non sto sognando, preparo, mangio, o ripulisco. Per giorni interi, prima di una campagna, mi chiedo se abbiamo abbastanza cibo, cosa accadrà se resteremo senza farina, o, peggio ancora, cosa accadrà se resteremo senza caffè.

Fortunatamente, ormai, ci siamo abituati alla routine della vita di bordo. Le giornate sono state abbastanza tranquille e il tempo è stato molto bello. Tutto l'equipaggio è molto rilassato e l'atmosfera a bordo è piacevole e calma. Abbiamo una squadra così forte e preparata, in cambusa, che passiamo felicemente dalla colazione al pranzo, dal pranzo alla cena, una partita o due a poker o un po' di pop corn e un film alla sera. Una sera della scorsa settimana, addirittura, avevamo la cena pronta da servire e tutto in ordine mezz'ora prima dell'ora di cena! Dal momento che avevamo un po' di tempo libero, siamo riuscite a fare piatti che prendono un po' più di tempo, compresi gli gnocchi saltati in un sugo di salvia e margarina fatto da Vera e un banchetto di burrito alla messicana (uno dei piatti preferiti dell'equipaggio!) con 80 tortillas di farina preparate a mano fatte da Luz! Ora vado a letto, sono davvero troppo stanca per guardare Ritorno al Futuro III  con il resto dell'equipaggio... ma mai troppo stanca per una ciotola di pop corn da mangiare a tarda sera.

Traduzione a cura di Barbara Abatti
 

Donate Now
Campaign Blog
Photo Gallery
The Fleet