Approfondimento Nemesis2018-10-14T12:22:54+00:00

Operazione Nemesis è l’undicesima campagna in difesa delle balene di Sea Shepherd nell’Oceano Antartico. La nostra missione è quella di fermare ancora una volta la flotta baleniera giapponese dalla macellazione illegale di balene in un santuario riconosciuto a livello internazionale con il pretesto della “ricerca scientifica”. Due navi della Sea Shepherd Global, la Ocean Warrior e la MV Steve Irwin, sono partite dalla Southern Base dell’Australia a dicembre trasportando 51 membri dell’equipaggio provenienti da otto paesi. Il loro obiettivo è intercettare la flotta giapponese, che è partita dal Giappone alla fine di novembre, per impedire loro di uccidere la quota auto-assegnata di 333 balene.

Operazione Nemesis Navi ed Equipaggio

La Steve Irwin & la Ocean Warrior

La nave ammiraglia di Sea Shepherd MY Steve Irwin, con il capitano Wyanda Lublink e 35 membri dell’equipaggio provenienti da sei paesi, è affiancata dalla nuova motovedetta di Sea Shepherd MY Ocean Warrior, con il capitano Adam Meyerson e 14 membri dell’equipaggio provenienti da otto paesi. Scopri di più sulla nostra flotta.

Perchè noi combattiamo

Le operazioni giapponesi di pesca illegale alle balene

Il cosiddetto programma di “ricerca scientifica” del Giappone per cacciare le 333 balenottere è stato respinto dalla Corte internazionale di giustizia, dalla Commissione internazionale per la caccia alle balene e dalla Corte federale australiana. Nonostante l’attenzione e l’indignazione internazionale, nessuna azione diretta è stata intrapresa contro queste attività illegali. Ancora una volta, il compito di difendere e proteggere le balene è lasciato a noi.

1987: nonostante una moratoria globale sulla caccia commerciale a partire dal 1986, il Giappone ha ucciso le balene nell’Oceano Antartico nel nome della “ricerca scientifica” dal 1987.

1994: La International Whaling Commission (IWC) istituisce il Santuario delle Balene dell’Oceano Antartico, un’area di 50 milioni di chilometri quadrati che circonda l’Antartide. Questo santuario è riconosciuto da tutti i membri dell’IWC, ad eccezione del Giappone, che ha continuato la sua caccia annuale senza opposizione.

2002: Sea Shepherd ha intrapreso la sua prima campagna antartica per la difesa delle balene nell’Oceano Antartico, l’unica organizzazione disposta a intervenire direttamente per intervenire contro la macellazione illegale di balene da parte della flotta giapponese.

2014: La Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) a L’Aia ha stabilito che il programma di caccia alle balene in Antartide del Giappone non era destinato a scopi scientifici e ha ordinato la revoca dei suoi permessi. Il Giappone ha sospeso la sua caccia alle balene nell’oceano australe durante la stagione 2014-2015.

2015: la flotta giapponese ha introdotto un nuovo programma “scientifico” per uccidere 4.000 balene per un periodo di 12 anni, ma questo è stato respinto anche dal comitato scientifico dell’IWC. Nello stesso anno il Tribunale federale australiano ha multato la flotta baleniera giapponese AUS $ 1 milione per “disprezzo intenzionale” di un’ingiunzione del 2008 che vieta l’uccisione di balene in un Santuario delle balene australiano designato. Rimane non pagato.

2015-16: Nonostante queste sentenze internazionali e proteste pubbliche, nessun governo era disposto a impedire alla flotta giapponese di tornare nuovamente nel Santuario delle Balene dell’Oceano del Sud per massacrare più di 300 balene, la maggior parte donne incinte.

2016-17: In questa stagione Sea Shepherd è tornata nell’Oceano Antartico per la sua undicesima campagna di difesa delle balene, l’operazione Nemesis, dal nome della dea greca di giustizia ineludibile. Dato che la flotta baleniera giapponese ha ampliato i propri terreni di caccia e abbassato la propria quota auto-assegnata, la più grande sfida sarà trovarli e fermarli prima di aver ucciso 333 balene.

Torna Indietro
La Storia
Guarda tutte le nostre campagne attive

Abbiamo bisogno del Tuo Aiuto

Entra in Azione per gli Oceani!

Iscriviti alla
nostra Newsletter

Ricevi notizie sugli aggiornamenti delle campagne, sulle opportunità di volontariato e sulle merci Sea Shepherd esclusive.