AIUTACI

benin Benin: due pescherecci da traino illegali sorpresi in un raid notturno

Nelle prime ore del mattino del 12 dicembre, i marinai armati della Marina del Benin a bordo di due gommoni a scafo rigido della nave di Sea Shepherd Bob Barker, hanno catturato due pescherecci industriali mentre attraversavano le acque del Benin, in Africa occidentale, con le reti da pesca ancora in acqua.

I marinai della Marina del Benin hanno sorpreso le due navi Tianyu 9 e Tianyu 10 e dopo essere saliti a bordo, hanno preso il comando del ponte e arrestato entrambi i comandanti per pesca senza licenza nelle acque beninesi.

Sea Shepherd e la lotta alla pesca illegale in Benin

Qualche sera prima, i marinai della Marina del Benin hanno lavorato con l’equipaggio di Sea Shepherd sul ponte della Bob Barker, osservando sul radar i due pescherecci da traino che stavano lavoravano sempre più vicini al confine tra il Benin e il vicino Togo.

L’elemento sorpresa è stato fondamentale per il successo della missione. Osservando le due navi per diversi giorni, abbiamo capito il loro modus operandi e sapevamo che sarebbe stata solo una questione di tempo prima che tentassero la fortuna e cacciassero nelle nostre acque. È allora che abbiamo fatto scattare la nostra trappola”.

Questa la dichiarazione del capitano della marina Maxime Ahoyo, il commissario marittimo del Benin che dirige le pattuglie congiunte in mare.

Illegalità diffusa e pesca industriale

Una volta a bordo, la squadra di imbarco ha scoperto che entrambe le navi avevano numeri identificativi della nave dipinti sui loro scafi che non corrispondevano a quelli dei documenti scoperti dagli investigatori. I pescherecci da traino hanno utilizzato numeri collegati a una precedente registrazione in Benin.

Questi pescherecci da traino avevano già lavorato nelle acque beninesi. Conoscevano bene la zona e quindi conoscevano bene il confine. Quello che non si aspettavano era la Marina del Benin e l’equipaggio della Bob Barker, che controllavano segretamente ogni loro mossa“, ha detto il Capitano della Bob Barker Julian McGale.

Sei settimane fa la Marina del Benin ha arrestato un peschereccio industriale nel porto di Cotonou, dopo averlo sorpreso a pescare illegalmente in un’area proibita, una zona di esclusione costiera di cinque miglia nautiche riservata ai pescatori artigianali.

La Fada 18 è stata catturata mentre pescava appena fuori dalla riserva ecologica della Bouche du Roy. La riserva è costituita da mangrovie e lagune fondamentali per i vivai ittici e fa parte della Riserva della Mono Biosfera, patrimonio dell’UNESCO, che ospita quasi due milioni di persone in Benin e Togo, ed è particolarmente ricca di biodiversità in quanto è posizionata in un corridoio faunistico utilizzato da tonni e megattere durante le loro migrazioni.

Sea Shepherd per la difesa della biodiversità in Benin

La partnership tra Sea Shepherd, Eco-Benin e il governo del Benin è un’opportunità unica per salvare la nostra biodiversità marina, in particolare la fauna marina nella Lista Rossa delle specie minacciate dell’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), conservare la Riserva della Mono Biosfera, patrimonio dell’UNESCO, e per aumentare i nostri punti salienti di ecoturismo in BeninGautier Amoussou, coordinatore nazionale di Eco-Benin, organizzazione non governativa (ONG) beninese locale.

Nel 2019, il governo del Benin ha collaborato con Sea Shepherd per l’Operazione Guegou (in lingua locale Wxla “grande tonno”) per affrontare i crimini legati alla pesca nel Golfo di Guinea, con l’equipaggio di Sea Shepherd e Eco-Benin che hanno supportano gli agenti delle forze dell’ordine a bordo della Bob  Barker per fermare la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN).

La partnership di Sea Shepherd con il Benin rappresenta il quarto governo nel Golfo di Guinea che si unisce in crescente sforzo per fermare la pesca INN nella regione attraverso pattugliamenti in mare congiunti con Sea Shepherd.

La difesa del golfo di Guinea

Dal 2016 Sea Shepherd lavora anche in collaborazione con i governi di Gabon, Liberia, São Tomé e Príncipe, Tanzania, Namibia e Gambia per combattere i crimini legati alla pesca, disponendo l’uso di pattugliatori d’altura civili agli stati costieri e insulari africani, così che le autorità possano far rispettare i regolamenti sulla pesca e le leggi di conservazione nelle loro acque sovrane. Ad oggi, queste partnership uniche hanno portato all’arresto di 62 navi per pesca illegale e altri crimini legati alla pesca.

Storie Correlate

Abbiamo bisogno del Tuo Aiuto

Entra in Azione per gli Oceani!

Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter
Tartaruga di pezza su un sasso con scritto difendere, conservare e proteggere

Ricevi notizie sugli aggiornamenti delle campagne, sulle opportunità di volontariato e sul merchandise esclusivo Sea Shepherd.

2020-12-16T15:32:39+01:00

Condividi questa storia!

Torna in cima