Il Servizio Nazionale di Pesca Marina annuncia la sua decisione di sterminare i leoni marini della California che frequentano le Ballard Locks di Seattle, a Washington, colpevoli di nutrirsi di trote testa d’argento. Sea Shepherd trova un accordo con la città di San Francisco che permetta ai leoni marini catturati di essere rilasciati nella Baia di San Francisco. Sea Shepherd presenta anche un piano per costruire una barriera idraulica che impedisca ai leoni marini di predare il pesce che entra nell’area di Ballard.

 

Marzo 1995

L’attore e attivista Martin Sheen è d’accordo nel sostenere gli sforzi di Sea Shepherd nella conservazione delle foche.

La società tedesca di biancheria Kirchhoff Bettwarenfabrik esprime a Sea Shepherd la possibilità di commercializzare prodotti di foca della Groenlandia senza crudeltà. L’attore e attivista Martin Sheen è d’accordo nel sostenere gli sforzi di Sea Shepherd nella conservazione delle foche. Il Capitano Watson, Martin Sheen e l’equipaggio viaggiano fino al Golfo di San Lorenzo. Prima che potessero volare verso le foche sui banchi di ghiaccio, una folla di cacciatori furiosi invade l’hotel delle Isole Magdalen dove si trova il contingente di Sea Shepherd. Aprono le porte per entrare nella stanza del capitano Watson e picchiarlo. La polizia interviene solo per espellere forzatamente il capitano Watson dalle Isole Magdalen. La campagna riceve copertura mediatica internazionale.
 

Luglio 1995

La nave di Sea Shepherd, Sirenian, ritorna nella Columbia Britannica

La nave di Sea Shepherd, Sirenian, ritorna nella Columbia Britannica per documentare l’apertura della stagione di pesca al salmone, la mancanza di pesce e la disputa in corso tra interessi commerciali, sportivi e quelli della pesca dei nativi su di chi fosse la colpa. La Polizia Reale Canadese segue la Sirenian con due veloci motovedette catamarano per l’intera campagna. Il Capitano Watson ammonisce che il salmone di Coho è in imminente pericolo di estinzione e chiede una chiusura immediata della pesca. Il governo canadese dichiara una moratoria sulla pesca del salmone in B.C. ma inverte la moratoria dopo aver ricevuto pressioni dall’industria della pesca.

 

Agosto 1995

La tribù indiana dei Makah di Neah Bay, a Washington, rivendica il diritto di cacciare la balena grigia della California

La tribù indiana dei Makah di Neah Bay, a Washington, rivendica il diritto di cacciare la balena grigia della California in nome di un trattato del 1855 stipulato con gli Stati Uniti, che volevano far rivivere in nome di “valori culturali e spirituali”. I Makah hanno anche affermato di avere il diritto di riprendere la caccia commerciale alle balene. Più di una dozzina di tribù lungo la costa della Columbia Britannica hanno dichiarato che avrebbero fatto pressione per un’estensione dei loro diritti di pesca per includere le balene in caso venisse approvata la petizione dei Makah. Grazie a due visite della Sirenian a Neah Bay, alla presenza continuativa di Sea Shepherd, alla campagna mediatica e al lavoro con il deputato statunitense Jack Metcalf, l’amministrazione statunitense ritira il sostegno alla petizione formale della tribù prima dell’incontro della Commissione internazionale per la caccia alle balene in Scozia. Gli agenti sul campo di Sea Shepherd si incontrano con i rappresentanti del governo irlandese e presentano motivi per proibire l’uso di reti da posta derivanti nelle acque irlandesi. Il governo irlandese impone il divieto di pesca a deriva.
 

Settembre / Ottobre 1995

Il Capitano Watson viene processato davanti alla Corte Suprema di Newfoundland su tre capi d’accusa

Il Capitano Watson viene processato davanti alla Corte Suprema di Newfoundland su tre capi d’accusa criminali portati dal governo come rappresaglia per la campagna di protezione del merluzzo del 1993 al largo delle Grand Banks. Davanti ad un giudice e una giuria, il Capitano Watson cita la Carta Mondiale per la Natura come legittimazione del suo intervento. La giuria accetta l’argomento, e il capitano Watson viene assolto da tutte le accuse. È condannato per l’accusa minore di aver favorito un atto di cattiva condotta, il lancio di bombe carta, da parte del membro dell’equipaggio Brad Ryan, che non era stato identificato o accusato. Il capitano Watson è condannato a trenta giorni ed è rilasciato dopo una settimana in attesa dell’appello. Viene dato a Paul Watson il premio Eugene Rogers del 1995 dall’Associazione delle Nazioni Unite del Canada per il suo lavoro in difesa del salmone nella British Columbia. Il premio è stato negato dopo che la Western Canada Wilderness Society ha protestato. Il Capitano Watson risponde: “Sembra che non abbiamo perso la nostra capacità di generare polemiche, infatti è difficile ricevere premi quando stai facendo qualcosa per meritarne uno”.