L’8 gennaio la Farley Mowat si avvicina nuovamente alla Nisshin Maru e schiera i suoi fouler. La Nisshin Maru interrompe le attività di caccia alle balene e fugge. Il 9 gennaio la Farley Mowat intercetta e sperona l’Oriental Bluebird, imbarcazione di rifornimento della flotta baleniera, alla quale viene ordinato di uscire dal Santuario delle Balene dell’Oceano Antartico. L’ordine viene eseguito e l’Oriental Bluebird non fa più ritorno. La Farley Mowat completa un viaggio di 50 giorni coprendo 8500 miglia tra Melbourne e Cape Town. La flotta giapponese è stata disturbata per 15 giorni e le è stato impedito di raggiungere la propria quota prefissata. (A causa delle pressioni del governo giapponese, la Farley Mowat è detenuta dalle autorità sudafricane).

 

Marzo / Aprile 2006

Conferenza stampa con Brigitte Bardot a Ottawa

Sea Shepherd tiene una conferenza stampa con Brigitte Bardot a Ottawa, in Canada, per opporsi al massacro delle foche. Sea Shepherd convince Costco a rimuovere le capsule di olio di foca dal negozio in Terranova creando una grande controversia nel Canada orientale.

 

Maggio / Giugno 2006

La Farley Mowat fugge da Città del Capo, in Sudafrica, e i membri dell’equipaggio vengono accolti come eroi all’arrivo a Fremantle, in Australia.

 

Ottobre 2006

Una nuova nave per Sea Shepherd

Sea Shepherd acquista a Rosyth, in Scozia, la nave da pattuglia Westra della Scottish Fisheries. La nave è ribattezzata Robert Hunter in onore del giornalista, co-fondatore di Greenpeace, amico del Capitano Watson e membro del Comitato Consultivo di Sea Shepherd.

 

Dicembre 2006

La Flotta di Nettuno solca i mari

La Robert Hunter parte dalla Scozia e viaggia tra il nord e il sud dell’Oceano Atlantico. La Farley Mowat lascia Melbourne, in Australia, per Hobart, in Tasmania.