Il 18 dicembre, i volontari di Sea Shepherd erano, in mattinata, davanti al faro sulla spiaggia di Ballina (Australia, nota di traduzione) per raccogliere documentazioni per Operazione Apex Harmony, quando hanno avvistato una tartaruga impigliata in una rete. Avvicinatisi per ispezionare l’animale, hanno scoperto che si trattava di una tartaruga Caretta Caretta, specie a rischio estinzione, fortunatamente ancora viva.

Il coordinatore di Sea Shepherd Queensland, Jonathan Clark, ha immediatamente contattato il “Department of Primary Industries” del Nuovo Galles del Sud (ente governativo di competenza, nota di traduzione), ma il fornitore delle reti antisqualo SMART era nelle vicinanze ed è giunto sul luogo per assistere i volontari nel liberare la tartaruga impigliata nella rete.

Allyson Jenning, Coordinatrice di Operazione APEX Harmony Nuovo Galles del Sud, ha dichiarato:

“Ancora una volta le reti hanno indiscriminatamente coinvolto una tartaruga Caretta Caretta, a rischio estinzione, che sarebbe certamente morta per annegamento se i nostri volontari non fossero stati lì. E’ questo che vogliamo mostrare al resto del mondo? Che uccidiamo la fauna marina solo per fornire un falso senso di sicurezza a chi frequenta i nostri mari? Siamo nel picco della stagione riproduttiva per questa specie, ogni singolo individuo è fondamentale”.

Il sig Clark ha inoltre aggiunto: “Nell’arco di una settimana, i nostri volontari hanno individuato nelle reti ben 7 specie diverse da quelle bersaglio, durante 6 passaggi.

Queste scoperte, insieme ai dati raccolti durante il primo periodo di prova, forniscono solide prove sul fallimento delle reti in termini di sicurezza per i bagnanti e sul fatto che stanno inutilmente uccidendo la fauna marina.

“E’ ora che il sindaco della Contea di Ballina, David Wright, e il governo del Nuovo Galles del Sud si sveglino e comincino ad accettare i risultati dell’inchiesta del Senato Federale, in cui viene riportata l’inefficacia di queste reti per la sicurezza in mare, infangando inoltre la nostra immagine di paese amante della natura, sia a livello locale che internazionale.” ha dichiarato la Jennings.

 

Caretta Caretta impigliata in una rete

Traduzione a cura di Eugenio Fogli.

Articolo originale:

http://www.seashepherd.org.au/news-and-commentary/news/an-endangered-loggerhead-turtle-the-latest-victim-of-ballina-s-shark-nets.html

2018-10-21T20:03:00+00:00